Dal classico alla direzione del CERN di Ginevra: Fabiola  Gianotti e… il Liceo “Alessandro Volta”

La Quinta Liceo Classico  (anno scolastico 2020-2021) all’interno del percorso di educazione civica dal titolo “Le donne nella storia e….nella scienza”, ha realizzato  una serie di lavori su alcune donne che hanno attraversato la storia e, con il loro impegno,  raggiunto  risultati eccellenti. I lavori, realizzati in gruppi, hanno spaziato da Ipazia a Peggy Whitson passando attraverso   l’antropologa Margaret Mead,  le primatologhe Dian Fossey,  Jane Goodall e Biruté Galdikas fino a discutere la vita di Rita Levi Montalcini e quella di  Jacinda Ardern. Tuttavia il lavoro che ha attratto le attenzioni dell’Università degli Studi di Siena e soprattutto ricevuto il plauso della diretta interessata, è stato quello su Fabiola Gianotti. Una donna che Peter Higgs volle a suo fianco quando nel 2013 ricevette il premio Nobel per la fisica per aver teorizzato (1964) l’esistenza di una particella posta alla base della costituzione della materia, il bosone di Higgs. Fabiola a distanza di decenni ne ha dimostrata l’esistenza indagando nelle “pieghe” della materia stessa!! Ricevere una mail da Fabiola Gianotti che si complimenta con gli studenti e li invita, quando sarà possibile, ad una visita al CERN, appare un successo dell’intero istituto “Alessandro Volta”  ma soprattutto degli studenti che lo frequentano.

A conferma dell’importanza del risultato raggiunto è uscito un articolo sulla Nazione del 23 gennaio 2021, dal titolo “Uno studio applaudito dal CERN”, a firma di Paolo Bartalini, dove compare il gruppo di studenti che ha realizzato l’approfondimento: Luca Arcuri, Vittorio Baldini,  Niccolò Giannetti e Lorenzo Nigi.

Il bellissimo video su Fabiola Gianotti e il CERN di Ginevra può essere visto  sui canali dell’ osservatorio dell’Università di Siena, ai seguenti link:

– su YouTube:

– su Facebook:

https://www.facebook.com/watch/?v=434165521069070